Benvenuti nel sito dello Studio Bertassi Giovanni

Inps, i contributi dovuti per i lavoratori domestici per l’anno 2020



L’Inps, con circolare 6 febbraio 2020, n. 17, comunica l’importo dei contributi dovuti per l’anno 2020 per i lavoratori domestici.


L’ISTAT ha comunicato la variazione percentuale (0,50%) verificatasi nell’indice dei prezzi al consumo, tra il periodo gennaio-dicembre 2018 e quello di gennaio-dicembre 2019. Di conseguenza, sono state rideterminate le fasce di retribuzione su cui calcolare i contributi dovuti per l’anno 2020 per i lavoratori domestici.





















Lavoratori italiani e stranieri

Retribuzione oraria Importo contributo orario
Effettiva Convenzionale Con quota CUAF Senza quota CUAF
fino a € 8,10

oltre € 8,10 e fino a € 9,86


oltre € 9,86

€ 7,17

 


€ 8,10


€ 9,86

€ 1,43 (0,36)

€ 1,62 (0,41)


€ 1,97 (0,49)

€ 1,44 (0,36)

€ 1,63 (0,41)


€ 1,98 (0,49)

Orario di lavoro superiore a 24 ore settimanali € 5,22 € 1,04 (0,26) € 1,05 (0,26)




















Lavoratori italiani e stranieri (contributo addizionale 1,40%))

Retribuzione oraria Importo contributo orario
Effettiva Convenzionale Con quota CUAF Senza quota CUAF
fino a € 8,10

oltre € 8,10 e fino a € 9,86


oltre € 9,86

€ 7,17

 


€ 8,10


€ 9,86

€ 1,53 (0,36)

€ 1,73 (0,41)


€ 2,11 (0,49)

€ 1,54 (0,36)

€ 1,74 (0,41)


€ 2,12 (0,49)

Orario di lavoro superiore a 24 ore settimanali € 5,22 € 1,12 (0,26) € 1,12 (0,26)


Quanto al contributo CUAF (Cassa Unica Assegni Familiari), esso non è dovuto nel caso di rapporto fra coniugi, ammissibile soltanto laddove il datore di lavoro coniuge sia titolare di indennità di accompagnamento, e tra parenti o affini entro il terzo grado conviventi, ove riconosciuto ai sensi di legge (art. 1, D.P.R. n. 1403/1971).
In relazione, invece, ai contratti di lavoro a tempo determinato, continua ad applicarsi il contributo addizionale, a carico del datore di lavoro in misura pari all’1,40% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali, nel caso specifico rappresentata dalla retribuzione convenzionale. Tale contributo non si applica ai lavoratori assunti a termine in sostituzione di lavoratori assenti.