Benvenuti nel sito dello Studio Bertassi Giovanni

Bonus bebè, importo minimo spettante anche in caso di ISEE assente o difforme


Con circolare n. 26 del 14 febbraio 2020, l’Inps fornisce le indicazioni operative per la richiesta dell’assegno di natalità (c.d. bonus bebè), per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020. La prestazione viene rimodulata con nuove soglie ISEE e può spettare, in applicazione del principio “universalistico”, nei limiti di un importo minimo, anche in caso di ISEE assente o difforme.


Come noto, l’articolo 1, comma 340, della Legge di bilancio 2020, ha confermato l’assegno di natalità (c.d. bonus bebè), per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020, fino al compimento del primo anno di età o del primo anno di ingresso in famiglia a seguito dell’adozione del bambino.
Per quanto attiene i requisiti previsti per la concessione della prestazione, essa spetta su domanda presentata da uno dei genitori entro 90 giorni dalla nascita oppure dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare a seguito dell’adozione o dell’affidamento preadottivo, avvenuti tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2020. In tale caso, la prestazione è riconosciuta a decorrere dal giorno di nascita o di ingresso nel nucleo familiare, del minorenne. Se la domanda è presentata oltre i predetti termini, l’assegno decorre dal mese di presentazione della domanda.
I richiedenti devono possedere la cittadinanza italiana o comunitaria; in caso di cittadini extracomunitari, l’assegno è spettante laddove essi abbiano lo status di rifugiato politico o lo status di protezione sussidiaria, ovvero siano titolari di:
– permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
– carta di soggiorno per familiare di cittadino dell’Unione europea (italiano o comunitario) (art. 10, D.Lgs. n. 30/2007);
– carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro (art. 17, D.Lgs. n. 30/2007).
Altresì, è necessaria la residenza in Italia del genitore richiedente e la convivenza con il minore.
Per l’anno 2020, sono previsti nuovi e diversi importi annui della prestazione in base alle fasce ISEE:
– in presenza di ISEE non superiore a 7.000,00 euro annui, l’assegno di natalità è pari a 1.920,00 euro annui o 2.304,00 euro annui in caso di figlio successivo al primo; cioè, rispettivamente, 160,00 euro al mese per il primo figlio e 192,00 euro in caso di figlio successivo al primo;
– se l’ISEE è superiore a 7.000,00 euro annui, ma non a 40.000,00 euro, l’assegno di natalità è pari a 1.440,00 euro annui o 1.728,00 euro annui in caso di figlio successivo al primo;
– qualora l’ISEE sia superiore a 40.000,00 euro, l’assegno è pari a 960,00 euro annui o 1.152,00 euro annui in caso di figlio successivo al primo.
In ogni caso, la durata massima di erogazione dell’assegno è stabilita in 12 mensilità.
Peraltro, per gli eventi del 2020, in assenza di ISEE in corso di validità al momento della presentazione della domanda (ad esempio, DSU non presentata, ISEE scaduto, DSU senza bambino per il quale l’assegno è richiesto, etc.), nonché in presenza di omissioni e/o difformità nell’attestazione ISEE al momento della domanda, l’assegno di natalità è ugualmente corrisposto in presenza degli altri requisiti, nella misura minima di 80,00 euro (96,00 euro in caso di figlio successivo al primo), a differenza di quanto previsto nella precedente normativa
In tali situazioni, il possesso degli ulteriori requisiti (relazione di genitorialità, convivenza con il minore, etc.) deve essere autodichiarato nella domanda di prestazione con assunzione di responsabilità del richiedente in caso di dichiarazioni false e mendaci (art. 76, D.P.R. n. 445/2000).
Laddove, poi, la DSU venga presentata successivamente ovvero regolarizzata entro il termine di validità, l’importo dell’assegno può essere integrato della differenza eventualmente spettante, dalla data di presentazione della DSU dalla quale sia derivato un ISEE minorenni valido, ovvero a decorrere dalla data dell’evento nascita/adozione (se la domanda era stata presentata entro i 90 giorni) o della domanda (se presentata oltre i 90 giorni).
Per il pagamento dell’assegno, l’Inps provvede alla corresponsione in singole rate mensili pari all’importo spettante a seconda del valore dell’ISEE, secondo le modalità (conto corrente, bonifico domiciliato, etc.) indicate dal richiedente nella domanda. L’eventuale richiesta di modifica della modalità di pagamento indicata in domanda deve essere corredata dal modulo “SR163”.
L’erogazione dell’assegno è interrotta per decadenza in caso di perdita di uno dei requisiti di legge (ad esempio, in caso di trasferimento della residenza all’estero, perdita del requisito della cittadinanza, provvedimento negativo del giudice che determina il venir meno dell’affidamento preadottivo, revoca dell’adozione, decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale, affidamento esclusivo del minore al genitore che non ha presentato la domanda, affidamento del minore a persona diversa dal richiedente). L’assegno è invece revocato in presenza di motivazioni che ab origine avrebbero comportato la mancata possibilità di usufruire della prestazione.
L’assegno di natalità non concorre alla formazione del reddito complessivo ai fini Irpef.